Articoli

Italia debole sulla cybersecurity: serve un’unica autorità nazionale

Fonte La Stampa Mondo, di Paolo Mastrolilli, 18 marzo 2016

L’ex capo dell’Fbi a Roma Leo Taddeo: il vostro Paese è nel mirino. Siete esposti al pericolo di attacchi digitali nel pubblico e nel privato

Come si può leggere nel corpo dell’articolo, ancora una volta la minaccia viaggia prevalentemente via mail e nuovamente il consiglio è: prudenza, abbandonare le free mail (libero, yahoo, ecc.) e fare un piccolo investimento in servizi di posta efficaci contro lo spam ed efficienti nel servizio (N.d.R.).

«L’Italia è esposta al pericolo di attacchi digitali, tanto nel settore privato, quanto in quello pubblico, e ha bisogno di fare di più per proteggersi. Dovrebbe creare una autorità nazionale basata a Palazzo Chigi, per coordinare le difese di tutte le agenzie coinvolte». Continua a leggere

Cyber-ricatti Anche le aziende sotto attacco

Fonte LA STAMPA Cronache, di Gabriele Martini, 07/03/2016

Chi non paga rischia di perdere tutti i dati sul computer (… ma la possibilità di aumentare l’immunità da questi attacchi sempre più virulenti c’è. Dotare la propria azienda o ditta individuale che si di un sistema di posta valido, organizzare un sistema di backup strutturati, automatici e progressivi, abbandonare le apps di posta qualificate “pericolose” e, ultimo ma fondamntale, spendere qualche ora di formazione – ndr)

Funziona così: ti arriva una mail, apri il documento allegato, passa qualche ora e sul computer ti appare una scritta a tutto schermo: «Se stai leggendo questo messaggio, significa che tutti i tuoi file sono stati bloccati. Per riaverli devi Continua a leggere

Virus contagia centinaia di pc

Fonte LA STAMPA Vercelli, di Andrea Zanello, 07/02/2016

L’allarme lanciato dalla polizia postale: si moltiplicano i casi anche nel Vercellese

E’ la nuova peste informatica, e il contagio è arrivato anche nel vercellese E’ il virus Cryptolocker: si installa nei pc e cripta tutti i file contenuti: fotografie, documenti testuali, tabelle Excel non si possono più aprire. Per liberarli Continua a leggere

Le peggiori password del 2015

Fonte FOCUS.it, 22/01/2016, Martino De Mori

Sequenze numeriche prevedibili e parole scontate: ecco la lista delle parole chiave più ingenue e facili da “craccare” per un cyber criminale.

Le password per internet sono poco sicure. Lo rivela uno studio pubblicato da SplashData, azienda californiana che si occupa di sicurezza, che sottolinea come nonostante i pericoli di “infiltrazione” attraverso le connessioni siano Continua a leggere

Il 97% di chi naviga su Internet non sa riconoscere il phishing

Fonte LA STAMPA Tecnologia, 23/05/2015

È da sempre in cima alle minacce informatiche più diffuse e più redditizie (per i cybercriminali), ma nonostante questo è una delle frodi online su cui gli internauti sono in assoluto meno preparati.

Le Google Apps for Work e for Education, dispongono di sistemi di verifica delle credenziali in due passaggi e di alert che tutelano l’utente poco esperto – n.d.r.

Parliamo del phishing, tecnica sfruttata per rubare informazioni dagli account online. Gli ultimi dati a riguardo sono preoccupanti: questo tipo di truffa non viene identificato dal 97% degli utenti di internet, mentre le minacce sono aumentate col lancio a inizio anno dei nuovi domini, quelli tipo «.work» o «.science». Continua a leggere