Articoli

Like sì o no? Stati ansiogeni e moti compulsivi

Voglio Like, ma ho paura

Like sì o no? Stati ansiogeni e moti compulsivi, la paura di non essere raggiunti al cellulare, il terrore di essere dimenticati, oppure, all’opposto il timore di essere tracciati negli acquisti, di essere geolocalizzati. Le contraddizioni del nostro “io” dalla tecnologia connessa (N.d.R. HTA Group).

Fonte il Giornale.it, di Sara Mauri, 02 agosto 2017

Cellulari e computer hanno creato ansie che prima non c’erano. Persino sulle fotografie

Una mail ci raggiunge praticamente ovunque, le ricerche sono semplici, i documenti accessibili. Possiamo analizzare masse enormi di dati, possiamo comunicare in tempo reale su lunghe distanze.

I nostri dispositivi ci aiutano, e molto. Con il telefono in mano possiamo spegnere le luci di casa, avviare la lavatrice, controllare l’allarme. Da quando la tecnologia è entrata nelle nostre vite, le cose sono più semplici. Però, quasi si trattasse di qualche strano effetto collaterale, sono nate nuove fobie. E sono nuove, perché prima non esistevano. Si chiamano fobie, ma spesso vengono descritte come paure o ansie. Tuttavia, ansie, paure e fobie sono cose differenti. La parola «ansia» deriva dal latino anxus e significa «stretto». Si tratta di una affannosa agitazione provocata da bramosia e incertezza, è essenzialmente di una reazione emotiva dove il pericolo è solo percepito. La paura, invece, è qualcosa di più razionale, è riconducibile a un pericolo reale: è tangibile. Solo una decina di anni fa, quando i dispositivi non erano propriamente gli stessi che abbiamo ora, spesso i computer si bloccavano e non ripartivano. La linea 56k ci metteva tantissimo a collegarsi e emetteva un suono infinito, provando e riprovando a ottenere il collegamento. E i computer sono stati odiati e maledetti. Magari, davanti a uno schermo bloccato. Quella rabbia forte, quella rabbia che ci faceva dire «adesso stacco tutti i cavi», quel chiedersi perché quel dannato attrezzo infernale non comunicava e non si spegneva, quella rabbia che ci provocava un rifiuto verso il nostro schermo bombato, quella che ci faceva battere forte il cuore per il timore che tutti i documenti sarebbero andati persi, quell’istinto atavico che ci faceva giurare che mai più avremmo acceso il pulsante «on», quella era «tecnofobia». La «tecnofobia» genera nell’individuo paura e rifiuto verso la tecnologia. In quei momenti, anche il più paziente dei pionieri del web avrebbe rifiutato la tecnologia. Ma esistono altre paure che prima della tecnologia non esistevano. E sicuramente, queste paure le avranno sperimentate tutti, almeno una volta nella vita.

Avete la necessità di controllare sempre il telefono, non riuscite a farne a meno neanche per un’ora, temete di andare in un luogo perché il telefono non prende? Avete paura di staccarvi dal vostro amato computer anche solo per poche ore? Potreste avere i sintomi della «nomofobia». In alternativa, se la vostra paura è quella di sentirvi dimenticati dal mondo dei social network e di non ricevere «like», potrebbe trattarsi di «athazagorafobia»: la paura di essere dimenticati.

Pensate che i computer ci rubino dati personali e che siano troppo invasivi? Controllate che i computer non abbiano accesa la localizzazione e che non traccino i vostri acquisti? Tutti sintomi della «cyberfobia», la paura fobica dei dispositivi, visti come componenti ostili. Se siete timidi, potreste invece aver timore irrefrenabile di fare telefonate o di ordinare una pizza. Questa fobia si chiama «telefobia»: si ha paura di telefonare perché si teme di non apparire brillanti. La «neofobia», invece, è la paura ingiustificata che si prova verso i cambiamenti e verso le nuove idee. Che dire? Esiste anche la paura di essere giudicati male per aver postato una foto: è «catagelofobia», collegata alla paura di sentirsi brutti agli occhi altrui. Ma si può anche avere paura di prendere la metropolitana, legata alla paura di trovarsi negli spazi chiusi (claustrofobia) e alla paura di trovarsi in spazi con persone (agorafobia).

Paradossalmente, esiste anche la paura di incontrare le persone vis à vis. Però, qui, la tecnologia aiuta: anziché incontrare qualcuno e provare un forte stress, ci si può parlare da dietro a uno schermo. Triste, ma utile.

HTA Consulenza informatica - Internet - Social

Numeri? Certo! Parole? Non contano

Le parole contano e i numeri parlano… magari fosse così.

Oggi i Social Network hanno un valore strategico nel campo del marketing?

Il mercato come si relaziona coi Social Network?

Il sottobosco talvolta opaco e poco gradevole mal celato nei Social, la cronaca canta, NON influisce sul NUMERO dei fruitori?

Fenomeni Social come Rovazzi, youtuber come i Mates, fashion blogger come Chiara Ferragni muovono nella rete numeri tali di follower da ingolosire le aziende che ne fanno testimonial o neanche troppo sofisticati veicoli di messaggi pubblicitari subliminali facendo leva su un target prevalentemente giovane, molto giovane.

In altri termini, l’élite di personaggi che assurgono ad un ruolo di estrema visibilità nel Web, non importa che dicano cose sensate (è un dettaglio), non conta che siano StartUp specializzate in ADV a individuarli e a “lanciarli” (il successo “genuino” è una rarità nel Web), non è essenziale la loro effimerità, l’importante è che si sollevino migliaia, centinaia di migliaia, milioni, centinaia di milioni, miliardi di click, visualizzazioni e i Like.

Da questa sintetica e incompleta ma sufficiente analisi, che ognuno tragga le considerazioni che vuole, ovviamente dipende da che parte stai e cosa vuoi farne dei Social Media: sei uno che clicca, un “bot” umano compulsivo e suggestionabile? O vuoi usare la rete per far conoscere la tua attività?

Ma le parole contano davvero? Beh, i numeri parlano da soli.

In Italia (dati 2015)

FACEBOOK 28 Milioni Utenti Attivi via Vincos
YOUTUBE 27 Milioni Utenti Attivi via YouTube
TWITTER 8 Milioni Utenti Registrati via Sole24Ore
TUMBLR 8 Milioni Utenti Attivi via Yhaoo
SNAPCHAT 256.000 Utenti Attivi via Statista
LINKEDIN 7 Milioni Utenti Registrati via LinkedIn
INSTAGRAM 9 Milioni Utenti Attivi via LaStampa
GOOGLE PLUS 3,8 Milioni Utenti Attivi via GlobalWebIndex
PINTEREST 1,4 Milioni Utenti Attivi via PinterestItaly

Nel mondo (dati 2015)

FACEBOOK 1.59 Miliardi Utenti Attivi via Statista
YOUTUBE +1 Milardo Utenti Attivi via YouTube
TWITTER 320 Milioni Utenti Attivi via Twitter
QZONE 654 Milioni Utenti Registrati via Tencent
WEIBO +500 Milioni Utenti Attivi via The Next Web
RENREN +194 Milioni Utenti Attivi via iResearch iUser Tracker
VKontakte +66 Milioni Utenti Attivi via VK
LINKEDIN 400 Milioni Utenti Attivi via LinkedIn
GOOGLE PLUS 343 Milioni Utenti Attivi via GlobalWebIndex
TUMBLR 420 Milioni Utenti Attivi via Tumblr
INSTAGRAM 400 Milioni Utenti Attivi via Instagram
VINE 40 Milioni Utenti Registrati via Vine
TAGGED 11 Milioni Utenti Attivi via Tagged
FOURSQUARE 55 Milioni Utenti Attivi via Foursquare
PINTEREST 100 Milioni Utenti Attivi via The Next Web
REDDIT 114 Milioni Utenti Attivi via Reddit
BEHANCE 4,2 Milioni Utenti Registrati via Behance
WECHAT 650 Milioni Utenti Attivi via The Next Web
WHATSAPP 1 Milairdo Utenti Attivi via Facebook
SNAPCHAT 200 Milioni Utenti Attivi via Statista
LINE 170 Milioni Utenti Attivi via Linecorp
TELEGRAM 60 Milioni Utenti Attivi via Telegram
FB MESSENGER 800 Milioni Utenti Attivi via re/code
HTA Consulenza informatica - Internet

La scuola a prova di privacy

Spesso il problema è sottovalutato, è vero. Quello alla Privacy è un diritto inviolabile e in un mondo in cui l’azione legale è dietro l’angolo, ignorare la norma potrebbe riservare sgradevoli sorprese. Meglio essere documentati (N.d.R. HTA Group).

Fonte Garante per la protezione dei dati personali, 7 novembre 2016

La nuova guida del Garante per la protezione dei dati personali, per “insegnare la privacy e rispettarla a scuola”

Si possono pubblicare sui social media le fotografie scattate durante le recite scolastiche? Le lezioni possono essere registrate? Come si possono prevenire fenomeni come il cyberbullismo o il sexting? Quali accortezze adottare nel pubblicare le graduatorie del personale scolastico? Ci sono cautele specifiche per la fornitura del servizio mensa o per la gestione del “curriculum dello studente”? Continua a leggere

HTA Consulenza informatica - Internet

Cattive abitudini sui social

Fretta, disattenzione, superficialità desiderio di esserci: clicco ergo sum. Con una vena di perfidia (ma non troppo), a questo quadro aggiungiamo il fatto che l’azione del leggere non sempre coincide con la comprensione. Dunque leggere e comprendere costituisce una fatica intellettuale e la perdita di visioni profonde legate ad una lettura attenta conduce a situazioni comprese tra il banale malinteso e la risposta senza senso o la mistificazione del contenuto e la perdita del patrimonio emotivo legato a una comunicazione. Ma abbiamo dimenticato un presupposto fondamentale: che i testi pubblicati abbiano un significato, ma questa è un’altra storia.
A compendio di questo quadro, rimandiamo alla sintesi elaborata dall’ISTAT in merito ai dati sulla lettura, il riferimento non è ai Social ma a libri, e-book e quotidiani, ma il quadro è comunque interessante e complementari. Ma chissà chi è arrivato a leggere fino a qui?  (N.d.R. HTA Group)

Fonte Hootsuite, Alexia Gattolin, 23 agosto 2016

Compiere un’azione a suon di swipe o premendo un semplice tasto è ormai la norma. Viviamo in un mondo in cui possiamo fare sempre più cose con il minimo sforzo, e se ci è richiesto un po’ di impegno in più iniziamo a storcere il naso.

Certo, poter risparmiare tempo ha un valore inestimabile, soprattutto per chi è costretto a correre sempre, ma alla lunga si può anche incorrere nel rischio di abituarsi un po’ troppo…alla pigrizia. Può succedere in tutte le situazioni, e accade ovviamente anche sui social.

Se sei un tipo solitamente molto attivo – o iperattivo – potresti pensare che l’argomento non ti tocchi da vicino. Ma è proprio così? Quali sono gli atteggiamenti più comuni dei social-pigri più incalliti, o anche solo occasionali? Vediamoli insieme e cerchiamo di capire se e come si può uscire dal tunnel. Senza strafare, tranquillo.

Mettere un like, commentare o condividere un post senza (prima!) averlo letto

Vedi un articolo su Facebook, con un titolo che non lascia molto spazio ad interpretazioni, e senza pensarci due volte esprimi il tuo sono d’accordo o meno con un like o una reaction. Se proprio sei in vena lo condividi anche, magari con un commento. Mai capitato?

E se si trattasse solo dell’ennesima mossa di clickbaiting? O di una bufala? E se nell’articolo ci fosse scritto qualcosa che non condividi per niente, o che è l’esatto contrario di quello che hai appena sostenuto? Imbarazzante. La pessima figura è sempre dietro l’angolo, in questi casi. Non bisogna mai abbassare la guardia, soprattutto se stai gestendo un account aziendale. Immagina la catastrofe.

Un articolo condiviso qualche tempo fa dalla NPR è diventato virale proprio perché ha dimostrato quanto sia diffusa questa cattiva abitudine. Il titolo recitava semplicemente “Perché l’America ha smesso di leggere?”. Argomento apparentemente chiaro e inequivocabile. E visto che si trattava anche di una domanda abbastanza provocatoria, i commenti di tanti social-pigri non si sono sprecati. Molte delle persone che avevano commentato l’articolo sui social, però, non lo avevano nemmeno letto.

Se lo avessero fatto, si sarebbero accorti che si trattava in realtà di un simpatico pesce d’aprile. Il testo, infatti, recitava: “A volte abbiamo la sensazione che le persone scrivano commenti sulle storie pubblicate da NPR senza averle lette. Se stai leggendo questo messaggio, metti like a questo post senza scrivere commenti. Poi vediamo cos’hanno da dire le persone su questa storia”.

Il 68% degli utenti dei social condivide contenuti con lo scopo di far capire agli altri “chi sono e cosa gli interessa”. Niente di male, anzi. Però, prima di condividere un articolo – qualunque ne sia la fonte – non si puoi non leggerne il contenuto. Regola numero uno. E 3.0.

Condividere “random” (e senza interesse) solo perché sei sparito da un po’

È vero, periodi di lunga assenza sui social non sono mai il massimo per mantenere attiva l’interazione. Ma se non sei in vena, o non hai nemmeno una manciata di minuti da dedicare alla lettura e alla condivisione, non vale la pena compiere azioni inutili. Piuttosto aspetta che arrivi un momento migliore, in cui hai la giusta curiosità e la giusta dose di tempo per creare valore. Giova a te stesso (perché sei anche ciò che condividi), e anche agli altri (altrimenti verrebbe meno il senso stesso della “condivisione”).

Spesso, quando “dobbiamo esserci a tutti i costi”, può capitare di retwittare o condividere direttamente un link senza aggiungere alcun commento o contributo. Per pura pigrizia, o perché basta lo stretto indispensabile, o perché nemmeno noi stessi siamo particolarmente presi dall’argomento. Ma ti sei accorto che quando posti un contenuto sui social senza scrivere nulla di tuo – nemmeno una parola o un semplice emoji – l’engagement cala notevolmente?

Chiediti perché i tuoi follower dovrebbero trovare interessante l’articolo, o notarlo rispetto a migliaia di altri. Chiediti perché tu ritieni che sia importante, che cosa ti comunica, quale dibattito può aprire. E se non trovi un motivo valido…questa è sicuramente un’altra delle cattive abitudini sui social media che dovresti provare ad evitare.

Sparare like a raffica, neanche fossi un bot

OK, sei appena uscito dall’ufficio e hai voglia di spegnere il cervello per un po’. Hai lo smartphone in mano e ti aspetta un’ora di mezzi pubblici per tornare a casa. Vai su Facebook, inizi a scorrere tra i contenuti, e il dito inizia a ticchettare indiscriminatamente su qualunque cosa. Che c’è di male? Assolutamente niente.

Ma analogamente ai contenuti ripubblicati in modo automatico o fine a se stesso, anche mettere compulsivamente like a qualunque cosa può finire tra le cattive abitudini sui social media. Soprattutto se è l’unica maniera per interagire con i tuoi contatti e se ti interessa tenere alto l’engagement (e ti interessa…sappiamo che ti interessa).

La scrittrice Elan Morgan (Schmutzie) ha condotto un esperimento: per due settimane ha smesso di mettere like a qualunque post pubblicato su Facebook. Il motivo? “Il like è come un cenno silenzioso del capo per dare la propria approvazione in una stanza rumorosa. Così è molto più semplice rispetto a un sì, un sono d’accordo e un anche io”.

Certo, nel frattempo su Facebook sono arrivate le reaction, che almeno ti fanno scendere di un gradino nella scala della social-pigrizia perché devi tenere premuto il dito e scegliere fra ben sei diverse opzioni! Ma il senso non cambia di molto. Sono sfumature di mi piace o non mi piace, non dicono molto di più su di te. Non ti coinvolgono e non coivolgono chi vedrà il tuo like. Perché te lo ricordi, vero, che gli altri possono vedere le tue azioni sui social? Nella maggior parte dei casi i tuoi like appaiono nel feed dei tuoi follower: non metterne di imbarazzanti. E se proprio non puoi farne a meno, almeno corri a modificare le impostazioni della privacy. Ora.

A maggior ragione su Instagram…la pratica del like for like è anacronistica e fastidiosa (sebbene ancora diffusa), e non è il massimo farsi scambiare per un bot. La tua rete sui social è fatta di persone reali. Tornando all’esperimento appena accennato, Morgan ha sintetizzato così le sue conclusioni: “Sono diventata più presente e coinvolta, perché ho dovuto usare le mie stesse parole e non un semplice pulsante. Trovavo il tempo per dire alle persone quello che pensavo o sentivo, per prendere atto della vita dei miei amici, condividerne gioie e dolori con gli altri. Ne è risultato che c’è molta più umanità e affetto nelle parole che nell’utilizzo del like”.

Emoji e GIF. Belli…ma ricordati anche di scrivere, ogni tanto

Come ha rilevato il Cassandra Report, 4 persone su 10, di età compresa fra i 18 e 35 anni, preferiscono comunicare con le immagini piuttosto che con le parole. Emoji e GIF offrono senza dubbio la possibilità di condividere reazioni ed emozioni in modo molto divertente e immediato. L’Oxford Dictionary ha addirittura proclamato Parola dell’anno 2015 l’emoji che ride con le lacrime agli occhi.

Ma a volte si tratta solo di utilizzare un pretesto per evitare di dare una risposta appropriata. O la strada migliore per tagliare corto, soprattutto quando sostituiscono le parole. La fashion blogger Leandra Medine (Man Repeller), ce lo spiega così:

“Mia suocera mi aveva appena mandato un messaggio chiedendomi se mi sentissi meglio e l’unica cosa che mi venne in mente fu inviarle l’emoji con la faccia verde. Non volevo dirle di no, ma non volevo nemmeno dirle di sì. È un ottimo modo per aggirare la questione e non dare nessuna risposta, perché in realtà non stai dando una vera risposta. È come dire ‘io butto fuori qualcosa, sei tu a scegliere cosa pensare’”.

Il punto è che chi sta dall’altra parte, e vede fioccare un emoji dopo l’altro durante quello che dovrebbe essere uno scambio di battute o una conversazione, spesso sa esattamente cosa significa. Scarso interesse. Punto. E se invece l’interesse c’è, e si tratta solo di pigrizia…forse allora vale la pena dimostrarlo. Con i fatti: cioè, almeno in questo caso, a parole.

Sei ancora sicuro di non essere vittima anche tu, ogni tanto, delle cattive abitudini sui social? Ne hai qualcun’altra da raccontarci? Lascia un commento a questo articolo. Ci fidiamo: siamo certi che lo avrai letto attentamente, prima! [vai all’articolo originale e commentalo :)]

Multitasking: ci rende meno produttivi, e più tonti

Fonte StartupItalia, di Cinzia Franceschini, 16 luglio 2016

Si finisce per sentirsi stanchi molto prima di quando si dedica l’attenzione a una cosa sola. In più si mangia di più, si assume più caffeina e si riduce la propria produttività. Quartz spiega perché dovreste dire addio al multitasking.

Leggere le email, mentre diamo un’occhiata a Facebook, mentre ingurgitiamo del caffè, mentre controlliamo l’ora, mentre ci affrettiamo per non perdere il treno. Multitasking. Alternarsi tra più di due attività contemporaneamente con l’illusione di riuscire a fare tutto nel minor tempo possibile. Ma l’unico risultato è che alla fine ci sentiamo solo stanchi. Più distratti. E meno svegli. Continua a leggere

Twitter: 10 anni di cinguettii che fanno storia

Fonte LA STAMPA Tecnologia, 19/03/2016

Il 21 marzo 2006 il co-fondatore Jack Dorsey ha inviato il primo tweet

Un Social interessante che piace a un pubblico sofisticato di 320 milioni utenti attivi nel mondo, 8 milioni in Italia (dati 2015) – n.d.r.

Twitter compie 10 anni. È il 21 marzo 2006 quando il co-fondatore Jack Dorsey «cinguetta» per la prima volta; con quel messaggio il social network sbarca ufficialmente sulla rete. È l’inizio di una nuova era in cui gli internauti imparano a protestare, scherzare, commuovere, denunciare ed emozionare in 140 caratteri.
Oggi Twitter conta 320 milioni di utenti attivi al mese, con un numero che ha superato i 500 miliardi di tweet in 35 lingue. Continua a leggere

Twitter: ecco chi lo usa in Italia

Fonte ENGAGE, di di Alessandra La Rosa, 31/08/2015

Un po’ più uomini che donne, il 34% di loro conosce i brand e il 52% si affeziona ai marchi che gli piacciono: è quanto emerge dalla fotografia scattata da Twitter Ads Italia sulla base di dati di GlobalWebIndex

Sono un po’ più uomini che donne (53% vs. 47%), il 97% di loro partecipa alle decisioni d’acquisto della propria Continua a leggere